giovedì 2 ottobre 2014

IL PANIFICIO PREFERITO DEL MIO SEGUGIO

Avviso per tutti gli amici residenti a Marina di Carrara, Avenza e Carrara e Lunigiana: nel caso vi dovesse capitare di imbattervi in un braccio umano -staccato all' altezza della spalla - legato ad un guinzaglio rosa e trascinato da un cane segugio di pelo fulvo che corre all' impazzata, siete pregati di mettervi in contatto per me. Non tanto per il braccio in sè, ma almeno non sto a ricomprare il guinzaglio...  Questo perchè l' amica Scarlet, quando ci avviciniamo al suo panificio preferito (Bonaldi), perde letteralmente ogni controllo e va completamente in tilt: fiutando nell' aria l' odore del suo amatissimo pane/focaccia (e sapendo che la commessa del panificio le dà sempre una striscettina di focaccia ogni volta che la vede) inizia a tirare come un caterpillar. Diventa un' impresa titanica controllare il cane, - un po' come cercare di mettere il guinzaglio ad un tornado di intensità 5 - e qualche volta mi manderà dritto all' ospedale, con soggiorno e pernottamento tra ortopedia e neurochirurgia d' urgenza.

GENITORI-MINKIA CHE ACCOMPAGNANO I FIGLI A SCUOLA...

E' sempre la solita storia. Che si tratti di scuole elementari oppure università, è la stessa cosa. Ora i genitori-minkia devono accompagnare i figlioli guidando i loro enormi suv (omologati come mezzi bellici proibiti) fino a dentro i corridoi - o meglio ancora, dentro le aule, fino al banco - per non fare affaticare i propri figlioli. Anche se sono perfettamente sani - perlomeno a livello fisico - ed in salute, senza alcuna seppur minima disabilità che giustifichi tutto questo. E ripenso a quando invece a me, tanti anni fa, capitava perfettamente l' opposto: con mia madre che mi accompagnava a scuola e mi buttava giù dalla macchina in corsa, per non avere problemi di parcheggio, ed io mi rotolavo sull' asfalto come Bruce Willis ai tempi d' oro per raggiungere il marciapiede e non farmi arrotare dalle altre vetture sulla carreggiata. Che tempi da pazzi !

martedì 5 agosto 2014

ALCUNI RICORDI E FOTO DAL PASSATO...

Giornata dedicata al vintage, e per tanto dissotterro dalle sabbie del tempo questa foto dell' anno di grazia 1975 ( non ero ancora nato, dovevo essere un microfilamento cellulare di DNA), dove i miei posavano nell' incantevole cornice della splendida Villa Bellini a Catania (i miei ricordi degli anni successivi, mi porteranno alla mente il terrore provato nei confronti dei pellicani ospitati all' epoca in una zona del parco). Una villa meravigliosa, uno dei gioielli della città etnea e mia terra di nascita.




Stesso luogo, qualche tempo dopo...



Una foto scattata a Pomezzana, nei campi di mio nonno Raimondo, piena di gioia e magia, con tanti parenti che se sono già andati via e con i sopravvissuti che resistono tenacemente
Il sottoscritto tra le braccia di mio padre, mia madre, mia nonna Maria, mio cugino Dante, mio zio Andrea Trigilia e mio zio Gianni.



Direttamente dalla preistoria, mio padre con la sua utilitaria ed il suo cagnolino che, a dispetto dell' aria da dolce e coccoloso segugio, era un crudele e ferocissimo mastino di discendenza nazifascista.



Il "James Dean" dei poveri, il "Tom Cruise" di Pomezzana, alias il mio caro vecchio papà in un paio di foto di gioventù (in memory of my beloved dad Pietro)











E per concludere il pomeriggio-nostalgia, ecco una memorabile foto che immortala il sottoscritto all' asilo (accompagnato da mia sorella Daniela), in attesa dell' imminente deflagrazione dopo avere piazzato una carica di esplosivo al plastico all' interno della cucina dell' adiacente convento delle suore, addette all' asilo di cui sopra. Un bambino dolcissimo!





















martedì 24 giugno 2014

ODE A SCARLET: IL PRIMO MESE DI GIOIA IMMENSA E... BISOGNINI DA RIPULIRE!

Eh già, non c' era maniera migliore per festeggiare un mese esatto dall' arrivo in famiglia di Scarlet, la nostra cagnolina, che ha portato un uragano di immensa allegria ed una quantità immensa di felicità, direttamente proporzionale alla quantità spaventosa di escrementi che tale segugio riesce a produrre. Sì, perchè anche oggi Scarlet ha pensato bene di creare uno stronzolo celebrativo di impressionanti dimensioni, da lasciare ai posteri per futura memoria, con tanto di inaugurazione e taglio del nastro da parte delle autorità comunali. Ma non poteva concludersi qua, questo interludio a metà tra le tragedie di Sofocle e le comiche di Benny Hill. Ovvero, in un crescendo rossiniano e sull' onda emotiva della tristezza (vedendo le sue padroncine uscire per andare al mare), trattenendo la cagnolona in braccio, mi accorgo con orrore che il canide maramaldo aveva ancora qualcosa di sospetto penzolante al di sotto della coda. E siccome ero sicuro che non si trattasse di un ciondolo o di un talismano del mago Otelma (pur avendo lo stesso valore equivalente), ho ripulito con attenzione e puntiglio tutto ciò che meritava di essere ripulito. A cominciare da quella scia maleodorante, lungo tutto il corridoio, che Scarlet aveva tracciato con precisione leonardesca - rivelando abilità artistiche fino a quel momento a me sconosciute - e che mi obbligava a lavare e disinfettare mezza casa, mentre mi producevo in truci turpiloqui che provocavano la conseguente caduta rovinosa del cielo dell' arcangelo Gabriele. Avendo capito l' antifona, dopo che il sottoscritto gli ha ordinato - con malcelato disappunto e tono perentorio - "adesso te ne vai a cuccia", la signorina a quattro zampe ogni tanto mi guarda per capire se il livello della mai incazzatura sia sempre alto o meno: da questo dipenderà l' arrivo dei biscottini-bonus...

giovedì 12 giugno 2014

SEGUGIO DA STRONZOLI

Va bene. Adesso lo posso certificare con assoluta sicurezza. Altro che meticcio, incrocio di razze di segugi o altre amenità. Il cane delle mie figlie, "Scarlet", è un autentico esemplare di "Segugio da Stronzoli", a giudicare dalle dimensioni spropositate degli escrementi da lei prodotti (assai più simili a quelle di un plantigrado che non a quelle di un canide).
Di carattere dolcissimo ed affettuoso (ma di indole canagliona e vendicativa), questo mammifero ama trascorrere le giornate inseguendo tutti i piccioni, le tortore, i merli e gli altri uccellini della pineta adiacente - insomma, tutti i volatili e gli aeromobili ad ala fissa che appaiono sul suo radar integrato - oltre che oziare all' ombra di un albero non appena possibile. Ovviamente, essendo un cane da caccia, ama la natura ed è impensabile che tale creatura possa sporcare l' ambiente ma piuttosto predilige riservare i propri bisogni fisiologici all' ambiente domestico. Ovunque, tranne che - neanche a dirlo, sulla propria traversa appositamente disposta in luogo appartato del corridoio. Ma tant' è. Nonostante questo, la sua dolcezza riesce a compensare le tante incazzature (normali) nella fase dell' apprendimento del cucciolo. E ben venga qualche capriccio sui bisognini fisiologici.... Anche perchè in fin dei conti ho incaricato la Ary di provvedere al servizio di rimozione degli escrementi/bonifica della zona/ messa in sicurezza dello stronzolo esplosivo e ripristino della condizione di igiene preesistente, e ci pensa lei a ripulire tutto  Inoltre, vuoi mettere la soddisfazione delle passeggiatine (nello specifico mi riferisco a quella mattutina ed a quella serale), in cui vedi finalmente i frutti dell' addestramento impartito a Scarlet? La corsa a ritmo dell' addestramento del Reggimento San Marco intonando "Dura la vita del fucilier...", con il cane che si mette in posizione obbedendo a tutti i comandi è una soddisfazione senza prezzo

domenica 2 marzo 2014

CARNEVALE 2014

Domenica di carnevale all' insegna del maltempo e che, fortunatamente, concede una breve tregua nel pomeriggio e consente ai bambini di festeggiare qualche ora in allegria....
E le mie figlie non hanno fatto eccezione, con la Martina che sfoggia il suo abito da "principessa" e l' Arianna che - a dispetto dell' influenza - decide di indossare la sua inedita suit da "teppista/motociclista"...
Ovviamente il disegno sulla maglia della Ary è opera mia, espressamente richiesto da mia figlia, che voleva un soggetto particolarmente aggressivo e convincente !