martedì 24 giugno 2014

ODE A SCARLET: IL PRIMO MESE DI GIOIA IMMENSA E... BISOGNINI DA RIPULIRE!

Eh già, non c' era maniera migliore per festeggiare un mese esatto dall' arrivo in famiglia di Scarlet, la nostra cagnolina, che ha portato un uragano di immensa allegria ed una quantità immensa di felicità, direttamente proporzionale alla quantità spaventosa di escrementi che tale segugio riesce a produrre. Sì, perchè anche oggi Scarlet ha pensato bene di creare uno stronzolo celebrativo di impressionanti dimensioni, da lasciare ai posteri per futura memoria, con tanto di inaugurazione e taglio del nastro da parte delle autorità comunali. Ma non poteva concludersi qua, questo interludio a metà tra le tragedie di Sofocle e le comiche di Benny Hill. Ovvero, in un crescendo rossiniano e sull' onda emotiva della tristezza (vedendo le sue padroncine uscire per andare al mare), trattenendo la cagnolona in braccio, mi accorgo con orrore che il canide maramaldo aveva ancora qualcosa di sospetto penzolante al di sotto della coda. E siccome ero sicuro che non si trattasse di un ciondolo o di un talismano del mago Otelma (pur avendo lo stesso valore equivalente), ho ripulito con attenzione e puntiglio tutto ciò che meritava di essere ripulito. A cominciare da quella scia maleodorante, lungo tutto il corridoio, che Scarlet aveva tracciato con precisione leonardesca - rivelando abilità artistiche fino a quel momento a me sconosciute - e che mi obbligava a lavare e disinfettare mezza casa, mentre mi producevo in truci turpiloqui che provocavano la conseguente caduta rovinosa del cielo dell' arcangelo Gabriele. Avendo capito l' antifona, dopo che il sottoscritto gli ha ordinato - con malcelato disappunto e tono perentorio - "adesso te ne vai a cuccia", la signorina a quattro zampe ogni tanto mi guarda per capire se il livello della mai incazzatura sia sempre alto o meno: da questo dipenderà l' arrivo dei biscottini-bonus...

giovedì 12 giugno 2014

SEGUGIO DA STRONZOLI

Va bene. Adesso lo posso certificare con assoluta sicurezza. Altro che meticcio, incrocio di razze di segugi o altre amenità. Il cane delle mie figlie, "Scarlet", è un autentico esemplare di "Segugio da Stronzoli", a giudicare dalle dimensioni spropositate degli escrementi da lei prodotti (assai più simili a quelle di un plantigrado che non a quelle di un canide).
Di carattere dolcissimo ed affettuoso (ma di indole canagliona e vendicativa), questo mammifero ama trascorrere le giornate inseguendo tutti i piccioni, le tortore, i merli e gli altri uccellini della pineta adiacente - insomma, tutti i volatili e gli aeromobili ad ala fissa che appaiono sul suo radar integrato - oltre che oziare all' ombra di un albero non appena possibile. Ovviamente, essendo un cane da caccia, ama la natura ed è impensabile che tale creatura possa sporcare l' ambiente ma piuttosto predilige riservare i propri bisogni fisiologici all' ambiente domestico. Ovunque, tranne che - neanche a dirlo, sulla propria traversa appositamente disposta in luogo appartato del corridoio. Ma tant' è. Nonostante questo, la sua dolcezza riesce a compensare le tante incazzature (normali) nella fase dell' apprendimento del cucciolo. E ben venga qualche capriccio sui bisognini fisiologici.... Anche perchè in fin dei conti ho incaricato la Ary di provvedere al servizio di rimozione degli escrementi/bonifica della zona/ messa in sicurezza dello stronzolo esplosivo e ripristino della condizione di igiene preesistente, e ci pensa lei a ripulire tutto  Inoltre, vuoi mettere la soddisfazione delle passeggiatine (nello specifico mi riferisco a quella mattutina ed a quella serale), in cui vedi finalmente i frutti dell' addestramento impartito a Scarlet? La corsa a ritmo dell' addestramento del Reggimento San Marco intonando "Dura la vita del fucilier...", con il cane che si mette in posizione obbedendo a tutti i comandi è una soddisfazione senza prezzo