lunedì 31 luglio 2017

BERGAMO? NO, GRAZIE

Proprio di questi tempi, un anno esatto fa, avevo avuto l' occasione di visitare la città di Bergamo per la prima volta in vita mia e, in particolar modo, accedere alla parte superiore della città, la parte più antica ed artistica di tutto il centro urbano orobico. A tale zona si accede mediante una apposita funicolare (o qualcosa del genere, che si muove sopra una rotaia) per superare il considerevole dislivello ed arrivare a destinazione. Ovviamente, previo pagamento di biglietto....
Ebbene, come dicevo all' inizio, un anno fa avevo trovato posto - in maniera regolare e conformemente al codice della strada attualmente in vigore - nelle immediate vicinanze della suddetta funivia, senza dovere pagare il balzello della sosta a pagamento: dopo avere verificato che tale area non fosse riservata ai residenti nei condomini di fronte e neppure a pagamento, ho potuto lasciare la macchina lì per tutta la durata della mia passeggiata.
Tornando al presente (o meglio, al "passato prossimo", visto che si tratta di fatti avvenuti ieri pomeriggio), la spiacevole sorpresa consisteva nel fatto che proprio quello stesso parcheggio di un anno fa era stato trasformato in un posto a pagamento, dalla cui sosta pretendevano ben 2 euro all' ora.
Col cazzo. Ho preso la macchina e me ne sono tornato via. Ci sono città che possono essere ben più care, ma almeno hanno anche monumenti e bellezze infinitamente superiori.
Se devo spendere 4 euro, preferisco spenderli in una pizza o in altre maniere piacevoli, invece che andare ad appesantire le tasche di gente che si arricchisce come al solito dei soldi dei turisti.
Adios, Bergamo.

Nessun commento:

Posta un commento