martedì 28 febbraio 2017

LA SOLUZIONE DI TUTTI I MALI

Esiste una grande differenza tra lavoro manuale e lavoro di concetto.
Il primo è forse quello più antico del mondo (da non confondere con quello che era il mestiere  della mamma dei parlamentari italiani) perchè era quello che la vita, l' istinto di sopravvivenza e la logica imponevano ai primi ominidi - e successive evoluzioni di esseri umani evolutisi nel tempo da quella prima bozza genetica - per nutrirsi e portare avanti la propria esistenza.
Cacciatori, agricoltori, artigiani e comunque abili manufatturieri che utilizzavano il proprio lavoro manuale per campare, scambiandolo con denaro o servizi altrui per secoli e secoli.
A rigor di logica, il lavoro di concetto (o impiegatizio) è solitamente meno pesante e logorante di quello manuale.
Perchè, seppure è innegabile l' importanza di un lavoro svolto dal cervello (intendendo i calcoli, la pianificazione, il ragionamento, etc.) per progettare e coordinare un insieme vario di attività, certe cose le intuisce anche un bambino.
 Suvvia, non ci stiamo a prendere per il culo: si capisce che è meno faticoso stare dietro una scrivania piuttosto che spaccarsi la schiena come operai in fabbrica o minatori dentro una cava di carbone.
Poi, se si vuole negare l' evidenza, si possono fare dei giri immensi di parole ed arrampicate sugli specchi da guinnes, ma la verità e l' onestà intellettiva di una persona accettano di buon grado quanto detto finora.
Sull' onda di ciò che scrivevo poc' anzi, voglio esprimere tutta la mia incazzatura in merito al fatto che, di fatto, chi decide il destino delle nostre vite (i politici del parlamento italiano scrivono le leggi, che vengono applicate con conseguenze dirette nella vita di tutti noi) è totalmente INCAPACE, INETTO, IGNORANTE ed in MALAFEDE per potere realizzare con successo un progetto organico per risolvere il problema della mancanza di lavoro in Italia.

Perchè se al governo ed in parlamento (ohibò, che orribili parole, me ne scuso) la stragrande maggioranza di questi parassiti erano in origine soprattutto avvocati, notai, industriali, lobbisti della peggiore specie e banditi di ogni risma, anche un bambino capisce benissimo che questi balordi non hanno nessun interesse a risolvere i problemi dei lavoratori più deboli.
Una volpe non ha nessun interesse a riparare la rete del pollaio, pieno zeppo di povere galline. E qua in Italia la volpe prende anche lo stipendio, per assurdo. E che stipendio. Un vitalizio che è un privilegio assurdo ed inaccettabile, che tanto mi ricorda quelli dei nobili francesi prima che venisse loro tagliata la testa più di due secoli fa.
Ecco, in conclusione, vorrei che i politici italiani fossero incatenati mani e piedi, come gli schiavi dell' antichità che venivano costretti a remare sulle imbarcazioni a remi sotto la minaccia della frusta, e obbligati a lavorare FISICAMENTE, tappando le buche delle strade, riverniciando gli edifici pubblici e facendo le manutenzioni nelle città che non vengono più eseguite proprio per colpa loro e della loro gestione criminale del denaro pubblico.





Nessun commento:

Posta un commento